Ciao MAMME!

Ecco l’intervista che ho fatto a mio figlio riguardo a cosa ne pensa di parole e parolacce.

 

Morris, oggi parliamo di linguaggio, parole e parolacce. A te piace molto parlare. Quali discorsi preferisci fare?

Beh. Non è una domanda molto facile. Direi che i temi che mi piacciono di più da raccontare sono quelli dei giochi e su cose simili.

Giochi che inventi tu o giochi che fai?

Tutti e due

Quando parli dei giochi di solito è difficile intromettersi nel tuo discorso. Cosa pensi e cosa provi quando parli e racconti?

Provo la felicità di sentire le cose che ho creato (n.d.r. mio figlio inventa giochi) e provo la felicità di dire tutto quello che voglio perché sono vicino a persone che mi sono fedeli.

Chi sono queste persone fedeli? E perché li chiami “fedeli”?

Sono i miei amici, i miei genitori e i miei famigliari. Fedele è una persona che ti sta sempre accanto.

Le parole da ascoltare ti piacciono meno secondo me. È vero?

Mi piacciono un po’ meno.

Perchè?

Hai ragione, io parlo un po’ troppo. Mi sento esplodere di gioia e per questo devo parlare quindi è impossibile fermarmi.

A scuola però ti fermi?

Sì perché devo imparare cose interessanti che mi aiuteranno in tutta la mia carriera.

Quindi le cose che ti insegnano a scuola sono più utili per la carriera che per la vita?

No anche per la vita certo. Per “carriera” intendevo il successo di tutto mio futuro.

Cosa bisogna raccontare per catturare la tua attenzione?

Avventure, viaggi e cose simili.

Secondo te è importante conoscere bene la lingua italiana?

Sì. Secondo me è meglio saperla parlare che saperla scrivere perché se sai parlare bene puoi esprimere bene quello che vuoi dire.

Lo sai che oggi è molto importante sapere anche l’inglese? Ti piacerebbe conoscere anche altre lingue?

L’inglese sì penso sia molto importante perché è la lingua più conosciuta al mondo perché così puoi parlare con tutti, sapere l’opinione di tutti e farti più amici. Sarebbe bello sapere le lingue più conosciute per conoscere più gente.

Quando senti un linguaggio irriverente, con qualche parolaccia in mezzo, cattura di più la tua attenzione?

Dipende da qual’è il significato o qual’è l’argomento. Per esempio ci sono dei giochi che guardiamo a scuola che alcune volte dicono parolacce e a me non piacciono troppo perché in quel caso esprimono cose brutte, insulti e offese.

Se sono dette in modo sciocco ti piacciono?

No perché secondo me se sono sciocche sono più insulse, dette a caso ed è meglio non dirle.

Allora quando ti piace sentire le parolacce?

Quando hanno significati grandi e veri. Anche se usano un modo di parlare volgare vogliono esprimere un significato forte.

Tu e i tuoi amici dite le parolacce?

Assolutamente no. Io non voglio dire parolacce e non voglio che i miei amici le dicano.

Conosci il significato di qualche parolaccia?

In realtà di molte.

Visto che sei bravo con le parole, inventa un motto su come vedi la vita o su qualcosa che ti piace che vuoi dire alle Mamme Pazze.

Wow mamma mi stai facendo una domanda difficile.

Pausa di riflessione

“Dì quello che ti senti per stare a tuo agio con tutti”


Partecipa all'intervista

Written by Camilla