Film Ratatouille: chiunque può!

Film Ratatouille: chiunque può!

Ciao MAMME!
Probabilmente conoscete già il film Ratatouille! Riguardandolo ho notato davvero tanti messaggi positivi presenti nel film, che all’inizio mi erano sfuggiti! Ci sono tante lezioni che si possono prendere come spunto per insegnare ai nostri bambini qualcosa di bello.

Titolo: Ratatouille
Regista: Brad Bird
Genere: Animazione

Trama

Ratatouille Film Remy

Il topino Remy dal musetto adorabile è il protagonista di questo straordinario film di animazione Disney Pixar. Remy ha la passione per la cucina e guarda con curiosità gli umani perché “non si limitano a sopravvivere, loro sperimentano, creano!”. Ama intrufolarsi nelle case e nei ristoranti per trovare le migliori materie prime, infatti dice “se è vero che siamo ciò che mangiamo, io voglio mangiare solo cose buone”. Lo fa di nascosto da suo padre che non capisce questo suo pericoloso amore per il cibo. Una sera approda al ristorante Gusteau, famoso chef di Parigi che ha fondato il motto “chiunque può cucinare”. Su questa idea, Remy coltiva il suo sogno. Proprio mentre osserva cosa accade dentro al ristorante Gusteau, il topino vede Linguini, lo sguattero appena assunto, che si appresta ad inserire ingredienti a caso nella zuppa in preparazione. Remy si rende conto che sta rovinando il piatto e accorre a sistemare l’errore. Da qui inizierà un’improbabile amicizia fra umano e topo e un’ancora più improbabile collaborazione culinaria. Linguini nasconde sotto il cappello da cuoco Remy. Il topino riesce a comandare Linguini attraverso i capelli, utilizzandoli come fossero fili per manovrare un burattino. In questo modo Remy comanda Linguini e attraverso le mani del ragazzo, realizza il suo sogno di cucinare. I due amici riescono a risollevare il nome del ristorante, calato dopo la morte di Gusteau. Fino al giorno nel quale il critico Ego annuncia di andare a mangiare da Gusteau, per capire se è veramente tornato al vecchio splendore. Remy e Linguini riusciranno a sorprendere Ego?

Perché Mamme Pazze lo consiglia

Ratatouille Film Linguini

Creatività e igiene

Ratatouille è un film leggero e divertente che avvicina i bambini all’arte del cucinare. I sapori vengono paragonati a note musicali. Da soli hanno un suono, combinati insieme possono creare infinite possibilità. Le note formano la musica, i sapori danno vita all’alta cucina. Il film inoltre non dimentica di insegnare l’importanza di lavarsi le mani prima di mangiare e prima di cucinare.

Capire se stessi e seguire i propri sogni

Il filo conduttore del film è la cucina, ma i temi toccati da Ratatouille sono diversi. Remy è combattuto fra il suo essere topo, quindi parte di una comunità che mangia spazzatura e non apprezza l’alta cucina e la sua attitudine al cucinare. Ci insegna che non è necessario etichettarci in un modo solo, perché nella stessa persona possono coesistere tendenze diverse. Remy è quindi topo e cuoco allo stesso tempo. Seguire un sogno non significa abbandonare la famiglia e le tradizioni. Il film pone quindi l’attenzione sulla difficoltà di capire chi siamo e cosa vogliamo fare nella vita. Attraverso il motto di Gusteau ci insegna a non abbandonare mai i propri sogni, al punto che un topo, da sempre bandito da ogni cucina, diventa uno chef apprezzato.

Amicizia e lealtà

Non meno importante il tema dell’amicizia. L’amicizia topo-umano crea problemi ad entrambi. Per un topo non è facile giustificare perché è amico di un umano che notoriamente scaccia i topi. Così come per un uomo non è semplice spiegare di essere amico di un animale da sempre bandito. Eppure grazie alla lealtà e al supporto reciproco, i due amici riescono a dimostrare il valore del loro sentimento sincero. A dimostrazione del fatto che gli amici vanno scelti col cuore e se sono davvero tali, anche nei momenti difficili non ti abbandonano.

Arte e ricordi

Concludo citando la scena che per me resta la più commovente del film. Ego, il temuto critico, si reca al ristorante e lascia scegliere al cuoco cosa cucinare per lui. Remy sceglie un piatto semplicissimo, la ratatouille appunto. Ego assaggia la ratatouille e subito viene riportato ai ricordi e ai sapori d’infanzia. A quei sapori associa la sua giovinezza e le difficoltà superate con il calore di casa attraverso un piatto familiare e semplice come la ratatouille. Mangiare non  significa solo cibarsi per necessità, perché la cucina è un’arte. Come sempre l’arte regala emozioni e crea ricordi unici!

Avete visto Ratatouille? I vostri bambini vogliono diventare chef? Raccontatemi quali interpretazioni PAZZE hanno dato i vostri bambini su questo film.

Siamo tutte Mamme Pazze, anche tu!