Un libro per insegnare ai bambini a non essere pigri

Un libro per insegnare ai bambini a non essere pigri

Angioletto Perfetto: Giulio è pigro

Titolo: Giulio è pigro
Autore:
E. Beaumont, F. Blanchut
Editore: Larus
Età: 4-6

Giulio va in giardino

Recensione

Giulio è Pigro è un titolo della serie Angioletto Perfetto. Il libro descrive situazioni di vita quotidiana, mettendo in contrapposizione un comportamento pigro con uno perfetto. Per esempio, quando Giulio è pigro lascia i suoi giochi in giro per tutta casa, quando invece ha un comportamento perfetto aiuta la mamma a tenere in ordine. Quando Giulio è pigro non vuole vestirsi e prepararsi al mattino, quando invece ha un comportamento perfetto si prepara ancora prima che si svegli la mamma. Attraverso tanti esempi di questo tipo, il libro insegna come la pigrizia possa essere scacciata con piccoli accorgimenti e come sia in fondo facile essere degli Angioletti Perfetti!

Giulio si prepara

Perché Mamme Pazze lo consiglia

Il libro è adatto per bambini dai 4 anni. Il formato del libro è piccolo e maneggevole, i bambini possono sfogliare le pagine anche da soli. Anche solo guardando le figure la storia è piuttosto chiara. Nelle pagine di sinistra vediamo quello che Giulio fa quando è pigro, mentre a destra vediamo quello che Giulio fa quando è un angioletto perfetto. La contrapposizione della stessa azione, svolta da pigro o da angioletto, rende subito l’idea di quale sia il migliore comportamento. Le situazioni descritte nel libro sono tutte relativa alla vita di tutti giorni, come prepararsi, portare la spesa, riordinare, andare al parco e fare giochi di movimento. Il bambino si può riconoscere in tutte o comunque in una buona parte di queste descrizioni. Gli insegnamenti del libro sono tutti di buon senso.

Giulio pattina

I bambini sono portati ad identificarsi in Giulio e a capire quando si comportano da pigri e potrebbero fare di più oppure quando si comportano già bene. Questo libro è consigliato alle mamme che vogliono spiegare ai loro bambini che imparare a non essere pigri significa comportarsi bene e aiutare la mamma nelle piccole faccende di tutti i giorni come mettere in ordine la camera, mettere i vestiti sporchi nella cesta dei panni, preferire giochi attivi a giochi sedentari e aiutare nelle piccole faccende domestiche. Ai bambini piacerà moltissimo vedere come con pochi sforzi riescono a diventare Angioletti Perfetti! E le mamme avranno guadagnato tanto aiuto!

Giulio e il bradipo

Giulio incarna i bambini che, pur sapendo cosa dovrebbero fare, si lasciano prendere dalla pigrizia e dalla voglia di rimandare i compiti in casa. D’altra parte, mettere in ordine non piace a nessuno, ma l’ordine piace a tutti. È quindi giusto insegnare come contribuire e fare la loro parte. È un insegnamento prezioso per i bambini e un modo per togliere qualche piccolo impegno agli adulti. Seppur l’impegno è piccolo, è sempre un inizio!

Avete letto queste PAZZE storie di Giulio è pigro ai vostri bambini? Raccontatemi cosa ne pensate!

Siamo tutte Mamme Pazze, anche tu!