Riconoscere le emozioni per gestirle

Titolo: I colori delle emozioni
Autore: Anna Llenas
Editore: Feltrinelli Editore
Età: 4-6

Ciao MAMME!

Negli ultimi anni è cresciuta notevolmente l’attenzione sulle emozioni dei bambini. I bambini infatti non sempre riescono a capire e gestire le loro emozioni. Ecco perché spiegare loro come riconoscere le emozioni è molto utile. In questo ci possono aiutare i libri da leggere insieme ai nostri figli. Il libro I colori delle emozioni spiega ai bambini che mescolare le emozioni può creare confusione. È molto meglio tenerle separate e in ordine! Il libro è adatto ai bambini in età prescolare. Ne esistono diverse edizioni. Quella che mi piace di più è la versione pop-up.

Recensione

Mostri dei colori

Il mostro dei colori si è svegliato, ma è strano e confuso. Non sa capire le sue emozioni. Chissà come mai! Nella sua confusione, le emozioni si sono mescolate assieme e non è più possibile riconoscerle. Pertanto, c’è da aiutare il mostro dei colori a sistemare tutto il pasticcio.

Emozioni basilari

Emozioni: gioia

Vengono così presentate le emozioni basilari, associando ognuna di esse ad un colore:

  • l’allegria è gialla e splende come il sole
  • la tristezza è blu e cade come la pioggia
  • la rabbia è rossa e brucia come il fuoco
  • la paura è nera e oscura come il buio
  • la calma è verde e leggera come il vento.

Le emozioni vengono poi ordinate in barattoli separati. In questo modo tutto appare più chiaro e il mostro dei colori diventa rosa come l’amore!

Perché Mamme Pazze lo consiglia

Emozioni: tristezza

Il libro è semplice, adatto ai bambini piccoli che ancora fanno fatica a capire e comunicare quale emozione provano. I disegni e i pop-up sono particolarmente belli e incisivi. Ogni emozione viene associata ad un elemento della natura e ad un colore:

  • allegria-sole-gioia
  • tristezza-pioggia-blu
  • rabbia-fuoco-rosso
  • paura-buio-notte
  • calma-vento-verde

Questo permette al bambino di associare alle emozioni qualcosa di tangibile e che conosce bene. In questo modo, quando prova un’emozione può collocarla nel barattolo giusto, come fa il mostro dei colori.

Emozioni: rabbia

Vediamo per esempio la tristezza, associata al blu e alla pioggia. La tristezza fa piangere e le lacrime scendono dagli occhi bagnando il viso, come la pioggia cade dal cielo bagnando tutto. Pioggia e lacrime vengono di solito disegnate con il blu, un colore freddo. Quando il bambino è triste sente un freddo sia fisico che emotivo.

Con queste semplici associazioni, per il bambino sarà più facile riconoscere le emozioni. Infatti, sa già riconoscere freddo dal caldo o bagnato da asciutto. Quando si sentirà nuovamente triste, anche se non in modo consapevole penserà alla pioggia, al bagnato e al freddo. Ricondurre le emozioni, che non sono tangibili, a qualcosa di riconoscibile attraverso il tatto, è un modo per chiarire i concetti e imprimere nella mente certe sensazioni. Una volta riconosciute è possibile capire come agire di conseguenza, anche solo con la semplice frase “mamma, mi sento triste”. Inoltre, un’emozione che viene interpretata in modo chiaro, anche se negativa, incute meno timore. Quando invece l’emozione si fa confusa, non si hanno le risorse per poterla contrastare e il bambino rischia di sentirsi sopraffatto.

Emozioni: calma

Grazie al libro I colori delle emozioni può capire i suoi sentimenti e col tempo comunicarli ai genitori o all’adulto di riferimento. È importante che il bambino sappia collocare le sue emozioni nel barattolo giusto, perché solo in questo modo potrà farsi aiutare. Col tempo poi imparerà ad aiutarsi da solo, cioè a gestire le emozioni. Fino quindi a diventare lui stesso il mostro dei colori rosa e pieno di amore. Perché quando il bambino sa affrontare i disagi delle emozioni, impara ad essere equilibrato e amorevole.

Emozioni: amore

Quali PAZZE emozioni hanno più difficoltà a gestire i vostri figli? Questo libro vi ha aiutato ad affrontare il discorso con loro? Raccontatemi tutto nei commenti

Written by Camilla