Giochi usati: ecologia del riutilizzo

Giochi usati: ecologia del riutilizzo

Quando ecologico fa rima con economico

Ciao MAMME!
Sono alla ricerca di un pezzo di ricambio per una macchinetta per tirare la pasta. Un vecchio regalo di mia mamma che non voglio proprio buttare via. Così mi è venuto in mente di vedere se trovo qualcosa nei negozi dell’usato. Poi ho ceduto all’esca per mio figlio: i giochi usati!

Morris usciamo” annuncio decisa a mio figlio.
“Per andare dove?”
“In un negozio”
“Di giochi?”
“No”
“Non posso stare a casa?” mi chiede sapendo già la risposta. Come ogni volta che mi pone questa domanda rispondo:
“Se ti lascio a casa da solo, mi arrestano e ti danno a un’altra mamma. Quindi devi venire con me”
“Ma uffa! Non è giusto! Voglio stare a casa a giocare!”

Capisco che molte mamme hanno figli che vogliono stare il più possibile fuori di casa. Ecco, il mio no. Un casalingo dentro, fino alle ossa. Nessuna attrattiva è più interessante della casa e di tutti i giochi che contiene (almeno sono apprezzati!). Nemmeno quando fuori ci sono 2 mila gradi e propongo qualsiasi cosa: parco, piscina, lago, montagna, scivolo, gelateria, giro in bici, giro in pattini, giro in monopattino, capriole…
A cosa mio figlio non sa dire di no? Ad un altro gioco da aggiungere! Anche se da aggiungere dove non so, visto che ormai la camera scoppia. Non solo per i giochi che ha, ma anche per tutte le invenzioni e i lavoretti che anno dopo anno non vuole mai buttare via. Ha più carta mio figlio in camera, che una copisteria!

Comunque, tutto sommato mi sembra un’idea carina quella dei giochi usati e provo ad usarli come esca per farlo uscire.
“Nel negozio dove vado, vendono oggetti usati di tutti i tipi. Io cerco un attrezzo da cucina. Però hanno anche giochi. Non ti prometto niente, ma se troviamo qualcosa di interessante ad un prezzo basso, potrei anche comprartelo”
Gli occhi di mio figlio hanno un lampo di felicità e il sorriso si allarga immediatamente. Pesce abboccato!
“Vado a mettermi le scarpe!” urla felice.
Così ci avviamo al mercatino dell’usato.

Giochi vintage usati

Perché comprare giochi usati

Lo so che andare in un posto dove vendono prodotti usati può far storcere il naso. Se uno ha i soldi, perché non comprare qualcosa di nuovo? In realtà credo che ci siano tre motivi molto validi:

  • si trovano giochi nuovi ma anche giochi vecchi che in commercio non fanno più ma che magari hanno ancora tanto da dare
  • spendere meno è sempre vantaggioso
  • il riutilizzo è la base dell’ecologia

Devo ammettere che l’angolo giochi è davvero fornito e si trovano giochi usati di qualsiasi genere:

  • da giardino
  • da spiaggia
  • da tavolo
  • in scatola
  • console (wii, psp, xbox)
  • giochi vintage

Mio figlio è nel periodo in cui ama le ambientazioni dove poi creare le sue mille storie. Quindi punta un’isola a forma di teschio con navi e personaggi. Lo prendiamo. Io purtroppo non ho trovato quello che cercavo. Morris esce trotterellando di gioia! Un gioco nuovo e piuttosto grande a ben 6 €!

Giochi di legno usati

Dove vendere giochi usati

Visto l’entusiasmo di Morris ne approfitto per spiegargli come funzionano questi negozi. Si può semplicemente andare per acquistare. Oppure si può anche vendere. Magari i suoi vecchi, ingombranti e inutilizzati giochi sarebbero più felici a casa di un altro bambino!
Riutilizzare è un modo per essere ecologici” dico a mio figlio. Ma lui mi guarda con aria dubbiosa, così mi spiego meglio.

“Se ogni bimbo usa un gioco qualche anno e poi lo butta per comprarne di nuovi, tutti quei giochi buttati diventano spazzatura. Magari alcuni sono giochi ancora nuovi o comunque ben tenuti. Perché buttare via qualcosa che è ancora buono? Se tutti i bambini si scambiassero i giochi dopo averli usati per un po’ di tempo, tutti i bimbi avrebbero sempre cose nuove ma ci sarebbe pochissimo da buttare. Il negozio dell’usato permette di fare degli scambi. Noi possiamo vendere i tuoi giochi usati e qualcuno che li trova interessanti li può comprare. Con i soldi che si ricavano dalla vendita dei giochi, si possono comprare dei giochi usati che altri bimbi hanno messo in vendita. Così non si spende niente e non si inquina, perché nulla di nuovo è stato prodotto”.

So bene che in una società consumista questo discorso non è applicabile in tutto e per tutto. Però mi interessa che far arrivare a mio figlio un’idea che trovo importante.

Non è necessario essere rivoluzionari per cambiare il mondo. Ma se tutti noi diamo un piccolo contributo, facendo piccoli gesti per migliorare l’ambiente e la qualità della vita, forse tutti insieme possiamo migliorare il mondo.

Cosa ne pensate? Sono idee troppo utopistiche e PAZZE? Raccontatemi tutto nei commenti

Siamo tutte Mamme Pazze, anche tu!
close
Thanks !

Thanks for sharing this, you are awesome !