Coco film Disney Pixar: essere dimenticati è un po’ come morire

Coco film Disney Pixar: essere dimenticati è un po’ come morire

Il giorno dei morti per mantenere viva la famiglia

Titolo: Coco (film 2017)
Regista: Lee Unkrich, Adrian Molina
Genere: Animazione

Trama

La storia di Coco film Disney Pixar ha inizio nel giorno dei morti. Durante questa festa messicana ogni famiglia espone le foto dei suoi famigliari defunti e prepara come offerta dei piatti tradizionali. I defunti possono così tornare sulla terra dei vivi per una notte, godere del cibo preparato per loro e guardare la loro famiglia.

Miguel Rivera è un ragazzino che sogna di diventare musicista come il famoso cantante De La Cruz. La sua famiglia però ha bandito la musica a causa di una triste storia del passato. Mamá Imelda, un’antenata di Miguel, era sposata con un musicista. Dopo la nascita della loro figlia, Coco, Imelda desiderava mettere radici e dedicarsi alla famiglia. Mentre il padre di Coco coltivava il sogno di girare per il mondo per cantare, al punto che un giorno decise di abbandonare la famiglia per la musica. Da quel giorno, nessun membro della famiglia Rivera ha più ascoltato o fatto musica.

Mamá Imelda per prendersi cura di sé e della figlia, aprì un’attività di fabbricazione di scarpe, che divenne poi un’attività per tutta la famiglia Rivera. Durante il giorno dei morti viene quindi sempre esposta la foto della famiglia di Coco, dove il volto del papà è stato strappato. Coco ora è una signora anziana, apparentemente smemorata ed è la bisnonna di Miguel. Miguel è il primo dopo generazioni che non vuole entrare a far parte dell’attività di famiglia, ma coltiva un desiderio diverso.

Proprio durante il giorno dei morti, viene indetta una gara di talenti alla quale Miguel vuole esibirsi. Come dirlo alla famiglia? Miguel prende coraggio quando guarda la foto della famiglia di Coco e si accorge che il padre tiene in mano una particolare… è proprio quella del suo idolo De La Cruz! Preso dall’eccitazione, Miguel cerca di far capire alla sua famiglia che lui non vuole seguire le orme dei Rivera, ma vuole seguire le orme dei De La Cruz. Mamá Elena, figlia di Coco, tiene particolarmente alle tradizioni di famiglia e rompe la chitarra di Miguel per impedirgli di partecipare alla gara.

Miguel preso dalla rabbia del momento rinnega a parole la sua famiglia e scappa insieme al suo fedele cane Dante. Non sapendo come partecipare alla gara, visto che è rimasto senza strumento, decide di rubare la chitarra di De La Cruz esposta nella sua antica abitazione.

Maledizione

Ma nel giorno dei morti, la tradizione vuole che si facciano doni ai defunti. Rubare ai morti provoca un maleficio istantaneo. Miguel si ritrova in un limbo fra la vita e la morte. Lui può vedere ed essere visto dai morti che sono venuti a partecipare al giorno dei morti. I vivi non lo possono vedere anche se lui non è un morto. Incontra così i suoi parenti dell’aldilà che lo vogliono aiutare a tornare indietro. Solo Mamá Imelda può sapere come risolvere questo pasticcio. Peccato che Mamá Imelda non possa partecipare alla offerta e sia bloccata nel mondo dei morti, proprio per colpa di Miguel che ha tenuto la sua foto in tasca.

I parenti decidono quindi di portare Miguel nel mondo dei morti ad incontrare Imelda. Per annientare la maledizione, è necessario che un parente di Miguel gli faccia una benedizione per riportarlo indietro. Mamá Imelda è ben disponibile a farlo, ma aggiunge nella benedizione che mai si dovrà più dedicare alla musica. Miguel non è pronto a lasciar perdere la sua passione e non accetta la benedizione. Anche il famoso De La Cruz è morto. Per tornare indietro basta trovarlo, è un musicista, è suo parente e sarà sicuramente disponibile ad aiutarlo.

Miguel si imbatte in Héctor, un triste defunto che ogni anno spera di attraversare il ponte e arrivare nel mondo dei vivi, ma nessuno espone mai la sua foto nel tavolo delle offerte. Héctor dice di conoscere De La Cruz e stringe un patto con Miguel. Lo aiuterà ad arrivare a De La Cruz, cosa non facile perché è una celebrità anche nel mondo dei morti. Miguel in cambio metterà la foto di Héctor su un tavolo delle offerte così lui possa andare nel mondo dei vivi.

Durante il viaggio verso De La Cruz, si scopre che anche Héctor è un bravissimo musicista. De La Cruz ed Héctor lavoravano insieme, il primo cantava, il secondo componeva. Quando Héctor decise di abbandonare la carriera di musicista per dedicarsi alla famiglia, allora De La Cruz lo avvelenò per rubargli le canzoni e continuare ad avere successo.

Per non far trapelare la verità del suo torbido passato, De La Cruz si sbarazza di Héctor e Miguel, buttandoli in un cenote. I due quindi si parlano e scoprono di essere entrambi Rivera! Héctor è il padre di Coco. Il suo più grande desiderio è quello di rivedere sua figlia. Poiché Coco è l’unica che si ricorda di lui in vita, questo non potrà mai accadere. Finché Coco è in vita e si ricorda di suo padre, lui continua a vivere nel mondo dei morti. Ma una volta che un defunto non viene più ricordato, allora svanisce per sempre. Nel momento in cui Coco morirà, Héctor svanirà e non si potranno incontrare nemmeno nel mondo dei morti.

Miguel capisce finalmente l’importanza della famiglia e decide di aiutare Héctor. Fortunatamente i due vengono salvati da Dante, da Imelda e dal suo spirito guida. La famiglia dei defunti Rivera si unisce così per aiutare Héctor a rivedere la sua Coco.

Personaggi

Miguel

Miguel

Miguel è il protagonista della storia. È un bambino coraggioso, pieno di passione e con il senso della giustizia. Durante il viaggio nel mondo dei morti, capisce il valore e l’importanza della famiglia.

Hector

Hector

Hector è il defunto padre di Coco. In vita aveva abbandonato la famiglia per seguire il sogno di diventare musicista. Pentitosi poi della scelta, aveva deciso di tornare da sua figlia, ma è morto prima di riuscirci. Il suo desiderio da morto è quello di riuscire a concludere quello che non ha potuto fare in vita: riabbracciare la figlia.

Mama Imelda

Mama Imelda

Mama Imelda è la defunta mamma di Coco. Donna forte e intraprendente, dopo essere stata abbandonata dal marito, mette in piedi un’attività che sosterrà poi tutta la famiglia per generazioni. Rancorosa nei confronti del marito, è pronta al perdono e ad aiutare chiunque della famiglia.

De La Cruz

De La Cruz

Cantante e attore famosissimo, Ernesto De La Cruz è un uomo senza scrupoli che mette il suo successo al di sopra di tutto e tutti.

Coco

Coco

Coco è il centro del film ed è la figlia di Imelda e Hector. Ora è una vecchia signora ormai arrivata alla fine della vita che ancora pensa però al suo papà. Cerca ancora l’amore del padre del quale ha sentito la mancanza per tutta la vita.

Dante

Dante

Dante è il fedele cane amico di Miguel. Viene chiamato come il cavallo di De La Cruz in una delle sue apparizioni cinematografiche. Dante si rivela essere una guida spirituale. Dante è un cane nudo messicano.

Frida Kahlo

Frida Kahlo

Il personaggio di Frida Kahlo è un po’ la caricatura della famosa pittrice messicana. L’estro artistico di Frida viene portato all’esasperazione e il personaggio ne esce quasi ridicolo. Nonostante questo, la Frida di Coco è saggia e di buon cuore e aiuta Miguel a compiere il suo viaggio. La Disney Pixar ha fatto un simpatico omaggio a questa straordinaria donna.

Frasi

  • La musica aveva lacerato la famiglia ma le scarpe l’avevano unita
  • Per tutta la vita ho sentito qualcosa, che mi rendeva diverso
  • Mai dare un nome a un cane randagio, ti seguirà per sempre
  • Far parte di questa famiglia significa esserci nei momenti importanti
  • Uno non può negare ciò che è realmente
  • Ho sempre creduto nel mio sogno, ma non si sarebbe realizzato da solo, quindi era mio compito afferrare quel sogno, stringerlo forte e trasformarlo in realtà
  • Quando la vita mi opprime, suono la mia chitarra. Il resto del mondo seguirà pure le regole ma io… devo seguire il mio cuore
  • Ricordati… sentire la canzone per trovare la frase giusta

Costume da Miguel di Coco

Il costume di Miguel di Coco è semplice da realizzare.

Occorrente:

  • felpa rossa con cappuccio
  • jeans
  • viso truccato da teschio messicano, da realizzare con gli appositi trucchi
  • chitarra di Coco

Perché Mamme Pazze lo consiglia

Famiglia Rivera

Il Film Coco è uno dei capolavori Disney Pixar. Guardarlo è davvero un piacere per gli occhi. Ambientazioni, personaggi e vestiti richiamano lo stile messicano in un’esplosione di colori incantevole! Ma, come sempre quando si parla di Disney Pixar, quello che colpisce davvero il cuore, è il messaggio del film.

Mentre il film sembra tutto incentrato su Miguel e la sua passione per la musica, il titolo del film è quello di un personaggio minore: la bisnonna un po’ smemorata Coco che sta arrivando alla fine del suo viaggio. Perché è lei a dare il nome al film? Perché è proprio Coco ad essere la chiave di lettura del film. La figlia abbandonata dal padre quando era bambina, che sul punto di morire aspetta ancora di riabbracciarlo. La Coco oggetto dell’amore di un padre ucciso proprio perché voleva tornare da lei. Quella Coco che, pur non essendo protagonista, muove il cuore di un padre, fino ad arrivare a mettere pace in tutta la famiglia.

Il film Coco ha una visione della morte piuttosto dolce e può essere di grande aiuto per spiegare ai bambini la morte. La morte è vista come un passaggio al mondo dei ricordati. Finché qualcuno nel mondo dei vivi ricorda un defunto, questo vive ancora nel mondo dell’aldilà. Si sparisce solo quando si è dimenticati da tutti. Quindi il film mette anche il focus sull’importanza di ricordare le persone care che non ci sono più.

Significativo che anche nell’aldilà, più si è ricordati, più si hanno doni, notorietà, ricchezze e lunga vita ultraterrena. Si dice spesso che chi è famoso vive per sempre. Questo concetto è ben rappresentato nel film. Mentre chi viene ricordato ma non riceve offerte da nessun parente, vive dentro a capanne povere e in una zona emarginata. Un ghetto dei quasi dimenticati. L’amore che viene dato in vita, viene poi restituito dopo la morte, per permettere al defunto di continuare un’esistenza felice. Anche se le ingiustizie subite in vita, si ripercuotono anche nell’aldilà.

La scena più toccante per me resta il dialogo tra Miguel e Hector durante la breve prigionia nel cenote. Il dolore di Hector nel sapere che non può raggiungere e vedere Coco, né nel mondo dei vivi, né in quello dei morti. Proprio in questo momento Miguel ha la rivelazione sul significato di famiglia e ne capisce il valore e l’importanza. Questi due elementi per me sono la parte cruciale di tutto questo meraviglioso film.

Foto Mama Imelda Coco

Il libro della vita

Difficile non paragonare il film Coco al più vecchio Il libro della vita. L’ambientazione e la trama si assomigliano davvero molto. Anche se hanno messaggi e prospettive diverse. Questo solo per consigliare a tutti coloro che amano il film Coco, di vedere anche il capolavoro prodotto da Guillermo del Toro.

Quali sono le PAZZE scene di Coco che vi sono piaciute di più? Raccontatemi tutto nei commenti

 

Siamo tutte Mamme Pazze, anche tu!